Ars Vitae


Vai ai contenuti

Menu principale:


Brasato al Barolo

Archivio Ricette > Secondi

Ricetta tradizionale piemontese

Ingredienti

800 gr manzo da scegliere tra i seguenti tagli:
Tenerone o Spalla, meglio Cappello del prete
(arrosto della vena), o il top: Culaccio di bue
1+1 cipolla
1+1 carota
1+1 gambo di sedano
2-4 foglie di salvia
un rametto di rosmarino
2 foglie di alloro
2 chiodi di garofano
un pezzo di bastoncino di cannella
4 bacche di ginepro
sale
pepe
una bottiglia di buon vino rosso corposo
(per la marinatura)
una bottiglia di Barolo
(per la cottura)
50 gr burro
qualche cucchiaio di olio di oliva.

Affetta grossolanamente la cipolla, il sedano e la carota, riponili in un contenitore insieme alle erbe aromatiche e spezie, aggiungi la carne e ricopri il tutto con il vino rosso di marinatura.
Fai marinare per tre-quattro ore in frigorifero, a questo punto elimina il liquido, preleva la carne, asciugala e falla rosolare in una casseruola con olio e burro, aggiungendo sale e pepe; a parte, nella casseruola nella quale terminerai la cottura, prepara un soffritto con cipolla, carota e sedano, quando sarÓ appassito unisci la carne rosolata e versa su essa poco per volta, integrando quando necessario, il barolo aromatizzato con 2 bacche di ginepro, 2 chiodi di garofano e un pezzettino di bastoncino di cannella.
Fai cuocere a fuoco bassissimo con pentola semicoperta per due ore e mezza, nell'ultima mezz'ora di cottura togli il coperchio e controlla la riduzione della salsa. A cottura ultimata rimuovi la carne, affettala, passa al setaccio il fondo di cottura con tutte le verdure e gli aromi e dopo aver allineato le fette su un piatto di portata nappale con la salsa ottenuta.



Torna ai contenuti | Torna al menu